.
Annunci online

Misterbraun
IO SONO SOLO LEGGENDA
 
 
 
 
           
       

MISTER da mistero BRAUN = marrone (colore della terra e del fango) SOPRA IN COPERTINA LA PECORA VALENTINA CON IL PAPA, IL PRESIDENTE E SABRINA FERILLI.

 
25 agosto 2015

I PARTITI E LA BIBBIA

La Bibbia è la nostra memoria e può riportarci il giusto ricordo e con esso rimetterci su una via di rinascita. Come Israele fu condotto da Mosè nel deserto, così noi dovremmo lasciarci condurre da questi ricordi fuori dai luoghi in cui siamo prigionieri e fino a quella terra promessa di cui sappiamo poco o nulla. Noi oggi abbiamo dimenticato questa promessa del Signore come abbiamo dimenticato il Signore, Dio di Abramo di Isacco e di Giacobbe. Serve ritornare alle radici della memoria e della coscienza ed attraverso quelle raggiungere la libertà, sempre restando convinti che esiste la libertà. È dopo Abramo, Isacco e Giacobbe che la Bibbia ci narra di un primo partito nato tra 11 dei dodici figli di Giacobbe. Uniti in partito per la invidia e gelosia verso Giuseppe, il dodicesimo fratello. Questi infatti era il più dotato di virtù e il più amato. Riuscirono così a prevalere vendendolo come schiavo e facendolo passare per morto agli occhi del padre. Ci narra poi di un altro partito, quello fatto da uno dei figli di Gedeone, Abimelech, per prevalere sui suoi settanta fratelli. Forte del fatto di avere per madre una abitante di Sichem, riunì in partito parenti e amici acquisiti tramite il ramo materno per farsi aiutare ad uccidere gli altri fratelli e diventare re senza altri pretendenti. Due casi diversi tra loro eppure straordinariamente meritevoli di attenta riflessione. Forti sono le analogie con i partiti moderni: stessa ambizione di potere, stessa gelosia verso le persone più capaci e dotate che, oggi come allora, vengono eliminate ed escluse. Sono sempre i mediocri e gli ambiziosi ad avere bisogno di crearsi o di avvalersi dei gruppi a sostegno in modo rendere inefficace quella verità che li vedrebbe perdenti nel paragone con altri maggiormente dotati di talenti e virtù e presumibilmente più idonei per fare da guida. Da allora una storia che sembra ripetersi. Si può dire che i fratelli di Giuseppe furono i precursori del comunismo, dove grazie ai partiti prevale la massa ignorante, e Abimelec del fascismo e del nazismo, dove grazie alla massa ignorante prevalgono i personaggi più arditi e capaci di ingannarla, manipolarla e sfruttarla. E sono i partiti oggi a escluderci, a dividerci, noi “fratelli d'Italia”, e a sommergerci in un intrigo di meschinità nella presunzione d'essere indispensabili per il raggiungimento della libertà. Una libertà che invece tramite loro, minoranze di mediocri prevaricatori, mai potrà esserci e bene ne erano consapevoli coloro che resero nel 1948 grande testimonianza di sapienza umana mediante la stesura di quella Dichiarazione Universale che, evidentemente riconoscendo i gravi danni provocati proprio dai partiti, dette definizione chiara al termine “democrazia” facendone un “bene universale” irrinunciabile appartenente a ciascun individuo e non ai partiti o associazioni di qualunque specie. Un bene che però, a poca distanza di anni, sembra dimenticato e prova ne è l'assurdo comportamento di questi partiti, ladri del diritto e della democrazia, delle loro assurde leggi e della mancanza di consapevolezza nei cittadini d'essere loro vittime e prigionieri. Quella consapevolezza che sarebbe primo passo verso la libertà e..... La libertà esiste. Noi lo sappiamo e possiamo, giudicando dai frutti (come la Bibbia invita a fare) e non dalle chiacchiere, acquisire quella consapevolezza e renderci conto che così, grazie ai partiti, ancora non siamo liberi e ancora “non siam popolo, perché siam divisi”. Valentina Braun http://ilmiolibro.kataweb.it/utenti/79222/marco-da-prato/


28 marzo 2014

AGGIORNAMENTO

I LIBRI DI VALENTINA BRAUN:

SU http://ilmiolibro.kataweb.it/utenti/79222/marco-da-prato/


22 agosto 2009

PRIMA APPARIZIONE

Siccome il fatto di cui al mio precedente post del 30 luglio continua ad apparirmi significativo e siccome mi pare impossibile essere solo io ad averlo notato, voglio qui ricordare le apparizioni della Madonna delle Ghiaie, riportando a partire da oggi quanto risulta dagli atti di ciascun giorno delle apparizioni con un piccolo modesto commento personale, ritenendomi a questo punto in dovere di pubblicare quello che da anni è il mio pensiero e quello che i numeri del superenalotto di giovedì 30 luglio sembrano volere confermare. Non posso pensare che sia la mia testa a dare i numeri (ma anche se fosse così, non lo ammetterei mai). 

1^ apparizione

Sabato 13 maggio 1944

Diario di Adelaide.

Vidi un puntino d'oro che scendeva dall'alto. Man mano che si avvicinava, si ingrandiva ed in esso si delineò la presenza di una bella signora con Gesù bambino in braccio e, alla sua sinistra, san Giuseppe. Le tre persone erano avvolte in tre ovali di luce.


 

La Signora, bella e maestosa, indossava un vestito bianco e manto azzurro; al braccio destro aveva la corona del rosario composto da grani bianchi; sui piedi nudi aveva due rose bianche. Il vestito al collo aveva una finizione di perle tutte uguali, legate in oro, a forma di collana.


 

Al primo momento ebbi paura e feci per scappare, ma la signora mi chiamò, con voce delicata, dicendomi: “Non scappare, che sono la Madonna”.

Allora mi fermai e mi misi a guardarla, ma con senso di paura. La Madonna mi guardò, poi aggiunse: “Devi essere buona, ubbidiente e rispettosa con il prossimo e sincera. Prega bene e torna in questo luogo per nove volte, sempre a quest'ora.


 

La Madonna mi guardò per qualche istante, poi lentamente si allontanò senza voltarmi le spalle. Io guardai finché una nuvola biancastra li tolse al mio sguardo. Gesù bambino e san Giuseppe non parlarono; mi guardarono solo con espressione amabile.

*************

La ricchezza di particolari in poche parole di diario di bambina, fa intendere il motivo per cui Maria appare per lo più a bambine. La Madonna – donna - si presenta bene: Bella e maestosa. La bambina ne è colpita, osserva, ascolta e capisce. La apprezza come donna. Oltre che bella e maestosa è una donna che sa quello che vuole e come ottenere la dovuta attenzione. Si limita a dare un insegnamento essenziale, ma non facile da ricordare per intero e lascia un intero giorno di riflessione su queste semplici ed efficaci parole:.

Devi essere:

  • Buona,

  • ubbidiente,

  • rispettosa con il prossimo,

  • sincera,

     

prega bene.


 

Nulla d'eccezionale apparentemente, E' esaltazione della femminilità in sé stessa e nella bimba, non scelta a caso (aveva appena ricevuto un ceffone dalla madre per insubordinazione) e preferita rispetto a un maschio in quanto presumibilmente più adatta nel rilevare e ricordare certi particolari (esempio abiti e colori). Esaltazione della femminilità anche nell'insegnamento. Dal punto di vista cristiano tutte le bambine avrebbero diritto di ricevere questi insegnamenti essenziali prima di tutti gli altri.


 

Poi fissa perentoria il programma:

torna in questo luogo per nove volte, sempre a quest'ora.


 

Poteva pretendere e ottenere di più da una bambina di 7 anni, al primo incontro?


 


23 marzo 2009

SABRINA FERILLI ALLA RIBALTA

  

Aforismi di Sabrina Ferilli

  • Faccio i film che mi piacciono: senza rinunciare all'optional del culo a mandolino.

  • Non credo che la coppia sia alla base dello sviluppo di una vita o di una personalità. Certo stare con qualcuno che si ama è parte della nostra esistenza, ma non è detto si debba realizzare per forza. Nel rapporto a due, solo alcune cose sono istintive, altre sono invece difficili da realizzare.

  • Ogni coppia che dura è miracolosa. È il terzo mistero della vita, dopo la nascita e la morte. Oggi è complicato parlare d'amore, o peggio dettare regole sull'amore. Su questo argomento ci hanno raccontato un sacco di cavolate.

  • Quando mi raccontano di sesso nei camper, di stupefacenti, di ammucchiate strane, io quasi non ci credo: io il massimo dell'erotismo l'ho fatto appoggiata per terra.

  • La bellezza non può penalizzare nessuno. L'importante è capire che è una cifra che noi abbiamo e con la quale dobbiamo imparare a fare i conti. Se la bellezza diventa un aspetto fondamentale di una persona è negativa. Se invece la si sa gestire diventa un vantaggio. È l'intelligenza che ci salva, sempre.

  • Il mio sogno sarebbe un harem con quindici fidanzati e nessun marito.

  • Non credo molto alle relazioni che nascono quando si è giovani e poi durano sino alla morte. Se succede, è un miracolo. Nell’età matura conosci meglio te stesso e cosa stai cercando, quindi una storia nasce su una sintonia più profonda.

  • Provo un profondo rispetto peri i testi sacri. Lo stesso rispetto con cui guardo alla Costituzione. Ma alla Bibbia si sono aggiunte tante cose: moralismi, orpelli retorici, elementi che poi diventano strumento di controllo e portano la gente ad agire senza convinzione o a ingannare sé stessa.

INTERVISTA SU “A” dal Corriere della sera:

Come va con Flavio Cattaneo?
«Benone (ride). Io penso che quando si supera lo stato adolescenziale, la sfera sentimentale si affronta con maggiore costanza e saggezza. Flavio è una persona ferma, solida e forte, siamo anche molto simili in questo. Ci siamo dati stabilità a vicenda».

È vero che vi sposate?
«Perché no? Ne abbiamo parlato e siamo d’accordo».

Avete fissato una data?
«Io sono pronta, sono già divorziata, lui ancora no, abbiamo due storie diverse (ride di nuovo, ndr). Non so quando otterrà il divorzio, non gliel’ho neppure chiesto. Quando arriverà, faremo il grande passo». 
****************************************************************************************************************************
Povera Sabrina, dal 2001 ad oggi nulla è cambiato. Le sue non sono certo parole di donna innamorata, sembrano piuttosto quelle di donna superficiale, che manca di cuore e di rispetto nell'uomo che non dice di amare. Come nel 2001 in attesa di un divorzio, ancora una famiglia distrutta dalla sua malizia e dall'animalesco uso della indiscutibile bellezza. Il mostro che interpreta sul film sembra lo sia, prima ancora, nella vita vera. Solo Valentina Braun vede, dietro quel mostro, un cuore grande seppure selvaggio e cieco; un cuore che vorrebbe col suo amore rendere da cieco a vedente (ripetendo il miracolo di San Valentino su una ragazza di Roma). Un cuore purtroppo prigioniero di quell'ambiente di vipere che la circonda e che, da Fiano a Monterotondo a Roma, ha fino ad oggi reso vano ogni tentativo di Valentina di rapirla erigendo intorno a lei un muro invalicabile. Succubi tutti di una Roma ambiziosa e colpevole di  presunzione, che ancora rifiuta di riconoscere il messaggio della Madonna delle Ghiaie, nessuno di loro vipere s'accorge di quanto disperatamente sia la stessa Sabrina a cercare Valentina. Non perde occasione lei di mettersi in mostra per lui, di provocare e lanciare richiami ad ogni suo passaggio in TV e, se da una parte sembra avere rinunciato d'essere donna vera e madre, qualcosa chiaramente ancora è acceso dentro lei. Come ha fatto vedere nell'incontro con la Carrà: resta un barlume di speranza, ed è quello, oltre alla indisponenza e alla maleducazione del suo staff, che spinge il poeta e l'uomo ad azioni ardite.

Aforisma di Valentina BRAUN

*    Quello che mi dispiace è lasciare le belle donne a uomini senza spina.
     


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ferilli

permalink | inviato da Misterbraun il 23/3/2009 alle 8:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

7 marzo 2009

8 MARZO - OMAGGIO AUGURALE A SABRINA FERILLI

  Qui per Sabrina, donna di Roma. - Penitente sotto una croce di legno grezzo. Silenzio e penitenza è l'augurio che oggi, in odio a stupide manifestazioni di piazza, vorrei inviare a tutte le donne come lei. Donne dal cuore cieco. Potenti nemiche oggi di sé, dell'uomo, della famiglia, e del progresso.  
da:
Valentina Braun
a: Sabrina Ferilli
8 marzo 2009  -  Questa l'immagine di cartolina inviata a Sabrina, ometto il messaggio. Potrà lei, se vorrà, rispondere e riferire. Mentre mi preparo a rapirla sotto gli occhi di tutti.


Ratto della Sabrina

Tu accendi la miccia
e con superbia ignobile
spingi l'azione ardita.

Verrò pieno di polvere
a stringer la tua mano
nell'ultima esplosione.

Prezioso rendi l'attimo
che chiuderà per sempre
la tua misera vita.

A Sabrina con amore - Valentina Braun


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ferilli valentina braun

permalink | inviato da Misterbraun il 7/3/2009 alle 15:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

6 marzo 2009

LA FERILLI E' COME LA COSTITUZIONE

  

Per Veltroni la Costituzione è come una bella donna in uno spogliarello. Tutti la guardano e ammirano lo spettacolo, ma nessuno la tocca, nessuno ne gode (è questo il Socialismo).

Per Berlusconi la Costituzione è come una prostituta. La può toccare solo chi ha potere e capitali. Ne gode chi ha denaro per comprarla (è questo il Capitalismo).

(se gli italiani oggi hanno dato la preferenza a Berlusconi è perché giudicano evidentemente preferibile andare a puttana che a uno spogliarello).

Per Misterbraun la Costituzione è come una donna da conquistare col cuore. Una possibile fidanzata e sposa amando e rispettando la quale, l'uomo realizza sé stesso e cresce nel suo valore, ricevendo da lei forza, valenza e dignità di sovrano (è questo il Valentismo).


SCACCO ALLA REGINA



Mille ragazze in etere

vide il mio cuore e tacque.

Ma tu, amata e femmina,

solletico del mio bestiale istinto

colpisti irriverente l'intimo

sul palco sculettando quella sera.


Ora il mio cuore leso

grida una vendetta inquieta.

E tu, odiata e idolo,

perverso simbolo di capitale pia,

darmi dovrai te stessa

lavando vero amor qualunque offesa.


Questa poesia è dedicata alla Ferilli, fidanzata d'Italia, nella convinzione che volendo lei abbia la possibilità, amandomi, di sostenermi, come una sposa sostiene il marito, e farmi vincere e conquistare Roma. Potrebbe però essere diretta alla Costituzione con simile significato e prego di considerare la petizione proposta sul sito un semplice atto d'amore per la conquista di Lei Costituzione. Una legge che può sostenermi e farmi grande e sovrano come la Costituzione vorrebbe che il cittadino italiano sia, ecco perché considero ogni firma un atto di amore verso di lei.
http://www.annullamentoelezioni.com/


5 marzo 2009

SABRINA FERILLI se parla si vede.

 

Sabrina Ferilli scrive a Walter Veltroni

11:52 mar 17 febbraio 2009

Parole dure e piene di risentimento quelle dell'attrice Sabrina Ferilli nella lettera aperta scritta al segretario del Partito Democratico Walter Veltroni. Partendo da un fatto a lei personalmente accaduto la Ferilli, senza usare mezzi termini, scrive: "Non stupiamoci poi se i cittadini sono così disillusi e schifati dai politici...".

Alle parole della Ferilli ha subito risposto, tramite il quotidiano Il Corriere della Sera, la Bellillo che ha affermato: "La Ferilli? Ha preso i soldi da testimonial, ha fatto il suo lavoro e poi, da saggia popolana, piuttosto che andare all'estero per la fecondazione, decide che il figlio lo adotta qui!". Le parole dell'ex parlamentare non sono piaciute all'attrice che ha detto: "Non mi sarei mai aspettata di ricevere attacchi personali da una donna che condivideva quella battaglia, da una parlamentare che si autodefiniva comunista". E ha definito "falsa e insultante" l'accusa di averci guadagnato, decidendo poi di avviare una querela.

"E allora, caro Walter - ha scritto l'attrice - io ti chiedo: il Pd si è espresso contro il lodo Alfano, contro le immunità che diventano impunità e perché mai garantisce, anche con i suoi voti, l'immunità ad un ex parlamentare che ha emesso non giudizi politici, ma insulti falsi e infondati contro un privato cittadino? Per avere giustizia dovrei farmi eleggere in Parlamento?".

La Ferilli ha poi domandato: "Che etica c'è in Parlamento? Perché deve esistere una casta che umilia i sudditi? Non crede, il Pd, di doversi fare carico di modificare una legge che, con la scusa della tutela della libertà del parlamentare, tutela ogni e qualunque abuso?". E poi l'attrice, citando Enrico Berlinguer, ha scritto: "Noi pensiamo che il privilegio vada combattuto e distrutto ovunque si annidi" e ha aggiunto: "Credo, caro Walter, che questa idea di Berlinguer sia ancora patrimonio tuo e del tuo Partito democratico e quindi mi permetto di chiederti una spiegazione per quel voto a Montecitorio. Non stupiamoci poi se i cittadini sono così schifati... Con affetto. Sabrina Ferilli".


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. veltroni ferilli

permalink | inviato da Misterbraun il 5/3/2009 alle 19:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

24 febbraio 2009

Per una candidatura alle europee sarei disposto ad amare la Santanchè o anche la Bindi.

Questo il testo di messaggio inviato giorni fa alla onorevole Santanchè (e per conoscenza a Paolo Brosio), con il quale chiedevo, tra l'altro, aiuto per ottenere una candidatura alle europee:
  
----- Original Message -----
Sent: Thursday, February 12, 2009 8:45 AM
Subject: TWIGA - Non si fa così.

Come prevedevo (vedi testo da mio blog), a seguito della mancata conferma del mio futuro genero come bagnino al TWIGA, ho potuto constatare che è sostituito da un giovane, già al lavoro in nero insieme ad altri, alcuni dei quali percepiscono illegittimamente, oltre a compenso in nero, il trattamento di disoccupazione.
Dovreste, Lei soprattutto come politico, essere più corretti.
Vorrei credere che Lei, Lippi & C., non siate a conoscenza, ma è difficile pensarlo dato che legale rappresentanti e amministratori sono il figlio di Lippi e Brosio.
Sono un commercialista. Non amo fare denunce, così come non ama farlo mio genero che però mia figlia sta cercando di convincere a farlo (si devono sposare a ottobre - avrebbero forse mandato la partecipazione anche a lei fino a poco tempo fa). Chiedo però di avere un incontro con lei che mi chiarisca.
Visiti il mio sito, a partire da questa pubblicazione del 30 gennaio::
 
e mi chiami.
Se Lei volesse riparare, oltre a fare riconfermare il posto a mio genero (pensavano, lui e mia figlia, fosse un posto sicuro), sarebbe da me gradita l'offerta di una candidatura alle europee, colgo quindi occasione per chiedere il suo personale interessamento.
IN ATTESA DI UN INCONTRO.
Cordiali saluti.

Non ho avuto risposta. Ma ho in mente questa foto e credo equivalga la sua risposta:

E' demoralizzante, come cittadino, doverlo ammettere, ma dopo vari tentativi sono ormai convinto che ottenere un appoggio  importante sia unica strada per potere dare un contributo al progresso del paese apportando le proprie idee in modo efficace. Per questo da anni cerco aiuto dalla Ferilli. Visto che però anche lei non risponde mai..... a questo punto mi vanno bene tutte. A meno che non riesca a trovare tanti sostenitori della mia petizione, già pubblicata qui, e tante firme sul sito 
http://www.annullamentoelezioni.com/


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. santanchè ferilli europa

permalink | inviato da Misterbraun il 24/2/2009 alle 8:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

30 agosto 2008

APPARIZIONE BONATE 21/5/1944

   Ecco che sotto spinta di opinione di popolo anche Mc Cain ha dovuto procedere verso un rinnovamento a dire poco rivoluzionario con la scelta del proprio vice nella persona di Sarah Palin, persona di principi, ritenuta da tanti più affidabile dello stesso Obama. Onore a quel popolo che sembra finalmente volere dare importanza alle persone di fede più che ai partiti. Ed ora la mosca è nel tamburo. Il fatto stesso di questi eventi è' già un successo per gli Usa e per l'umanità, ma, secondo la Madonna delle Ghiaie, vestita in tricolore, la pace dovrà venire dall'Italia e da Roma.  

Dal quaderno di Adelaide:
Anche questa apparizione fu preceduta dai colombi e nel punto luminoso si manifestò la Sacra Famiglia, vestita come ieri in mezzo a una chiesa. Verso la porta principale c'era: un asino color grigiastro  , una pecora bianca  ,
 
un cane dal pelo bianco con macchie marrone, un cavallo del solito color marrone .

Tutte le quattro bestie erano inginocchiate e muovevano la bocca come se pregassero. Ad un tratto il cavallo si alzò e passando vicino alle spalle della Madonna uscì dalla porta aperta e s'incamminò sull'unica strada che conduceva ad un campo di gigli, ma non fece a tempo a calpestarne quanti voleva perché S. Giuseppe lo seguì e lo riprese. Il cavallo appena vide S. Giuseppe cercò di nascondersi vicino al muricciolo che serviva da cinta al campo dei gigli, qui si lasciò prendere con docilità e accompagnato da S. Giuseppe ritornò in chiesa ove si inginocchiò e riprese la preghiera.


le immagini degli animali non sono tratte dal testo ma inserite a muso aperto dalla pecora Valentina che, come nella copertina del suo libro (riprodotta in apertura del bloog), ha progettato di trasformare tutti in pecore auspicando il buon esito della sua rivoluzione.

Madonna delle Ghiaie è detta Regina della Famiglia. Mette la famiglia a cardine della convivenza e della pace mondiale. Ecco perchè Sabrina, notoriamente più distruttrice di famiglia che costruttrice, bene si identifica nell'asino.  Marrone è il colore della terra, bianco il candore dei cieli, Il cane macchiato di terra marrone come il Papa: dal potere temporale le macchie marroni (bianco e marrone = Dio e mammona). Quanto al cavallo, tutto colore della terra, come non vederci il Presidente e il suo potere terreno, spesso esercitato in odio alla Legge e con fini materialistici più che umanitari?  


29 aprile 2008

Altro che Obama! SE SABRINA DICE SI....

 Mando via tutti e faccio un nido di amore sul tetto di Roma  

A Sabrina

Forte la mente più dell'occhio ti spoglia.

Dal pensiero parole scendono
come petali di rosa in acqua di lavanda
per la tua igiene intima.

E calano dalle chiappe e dall'umido pelo
a sfiorare le cosce e giù,
fino alle caviglie.

E scivolano infine ai tuoi piedi
raccolte in versi idilliaci che lievitano
come stelle dorate.

Stelle che vanno ad appendersi
ai capezzoli tuoi rizzati dall'aria
fresca della sera.

Del tocco lieve artefice
godo l'immagine tua nel brivido:
Sabrina dammela!

Valentina Braun

Tutto ciò che è in vendita sul mercato, mangiatelo senza indagare per motivo di coscienza, perchè del Signore è la terra e tutto ciò che contiene. (Paolo, prima lettera ai Corinti)

Scegliete quelle che vi saranno piaciute.
Vi è proibito sposare femmine maritate, salvoché la sorte delle armi non le abbia fatte cadere in vostre mani. Queste sono le leggi del Signore. Tutto il rimanente vi è concesso. (Corano Cap. IV:Le femmine)

Chiedete e vi sara dato. (Luca)

Ritenete tutto una gioia, fratelli miei, quando voi vi imbattete in tentazioni svariate, sapendo che la genuinità provata della vostra fede produce la perseveranza. (Lettera di San Giacomo). 




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. roma sabrina quirinale obama ferilli

permalink | inviato da Misterbraun il 29/4/2008 alle 8:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

28 febbraio 2008

CUORE ITALIANO SU ROMA

 L'ANGELO CUSTODE DI SABRINA - REGINA DI ROMA   

Io lo vedo, chiaro come il sole.
E' l'angelo custode a spingerti alla brillante gloria.
A volerti fortemente mia.
Apri, per amor suo, il gelido tuo cuore al fuoco delle mie parole d'uomo.
Accoglimi come il grembo di una terra sognata.
In te spargerò semi d'alberi fruttuosi.
Scaverò nel profondo le fondamenta di un regno.
La mia felicità sarà la tua.

Valentina Braun
(Valentina nel mio nome in onore a San Valentino, colui che seppe ridare la vista a una ragazza di Roma. Come San Valentino io sono qui per ridare la vista a una ragazza romana, per aprire gli occhi di un CUORE CIECO.)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. roma angelo ferilli sabrina

permalink | inviato da Misterbraun il 28/2/2008 alle 8:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

22 febbraio 2008

ALL'ALBA VINCERO'

In America vale la famiglia. E' bello vedere che lo scontro politico avviene tra coppie: Obama e Michelle, Hillary e Bill, McCain e la bionda moglie sempre presente. Alla presidenza non starà una persona, ma due. Due persone che devono superare insieme una competizione elettorale basata su principi morali più che questioni amministrative. A Roma.... E' notte. Per tutte le istituzioni: Famiglia e stato. Bisogna attendere l'alba. E all'alba..... ALL'ALBA VINCERO'.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ferilli obama misterbraun

permalink | inviato da Misterbraun il 22/2/2008 alle 8:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     novembre        settembre