.
Annunci online

Misterbraun
IO SONO SOLO LEGGENDA
 
 
 
 
           
       

MISTER da mistero BRAUN = marrone (colore della terra e del fango) SOPRA IN COPERTINA LA PECORA VALENTINA CON IL PAPA, IL PRESIDENTE E SABRINA FERILLI.

 
23 settembre 2009

FATIMA (3° segreto)

 
 Scrivo in atto di obbedienza a Voi mio Dio, che me lo comandate.........  
   

Dopo le due parti che già ho esposto, abbiamo visto al lato sinistro di Nostra Signora un poco più in alto un Angelo con una spada di fuoco nella mano sinistra; scintillando emetteva fiamme che sembrava dovessero incendiare il mondo; ma si spegnevano al contatto dello splendore che Nostra Signora emanava dalla sua mano destra verso di lui: l'Angelo, indicando la terra con la mano destra, con voce forte disse: Penitenza, Penitenza, Penitenza! E vedemmo in una luce immensa che è Dio: "qualcosa di simile a come si vedono le persone in uno specchio quando vi passano davanti" un Vescovo vestito di Bianco "abbiamo avuto il presentimento che fosse il Santo Padre". Vari altri Vescovi, Sacerdoti, religiosi e religiose salire una montagna ripida, in cima alla quale c'era una grande Croce di tronchi grezzi come se fosse di sughero con la corteccia; il Santo Padre, prima di arrivarvi, attraversò una grande città mezza in rovina e mezzo tremulo con passo vacillante, afflitto di dolore e di pena, pregava per le anime dei cadaveri che incontrava nel suo cammino; giunto alla cima del monte, prostrato in ginocchio ai piedi della grande Croce venne ucciso da un gruppo di soldati che gli spararono vari colpi di arma da fuoco e frecce, e allo stesso modo morirono gli uni dopo gli altri i Vescovi Sacerdoti, religiosi e religiose e varie persone secolari, uomini e donne di varie classi e posizioni. Sotto i due bracci della Croce c'erano due Angeli ognuno con un innaffiatoio di cristallo nella mano, nei quali raccoglievano il sangue dei Martiri e con esso irrigavano le anime che si avvicinavano a Dio».          Tuy, 3-1-1944

   
 
 
 

Le prime due parti (i primi 2 segreti) del messaggio di Fatima contengono predizioni, ma anche indicazioni il cui contenuto appare ripreso e confermato a Ghiaie. Furono messe per scritto da Lucia nel 1941 e poca considerazione ebbero nei fatti; una rilettura appare utile anche a capire il fine legame con le apparizioni di Ghiaie, ancora meno considerate fino ad oggi. Con questo, che è il terzo segreto, Lucia completò il suo “incarico” consegnandone il testo in busta sigillata nel 1944. Essa scrisse sulla busta che poteva essere aperta solo dopo il 1960. Alla domanda diretta sul perché di quella scadenza Lucia affermò: ”Non è stata la Signora, ma sono stata io a mettere la data del 1960 perché, secondo la mia intuizione, prima del 1960 non si sarebbe capito: si sarebbe capito solo dopo”.

Ed è questo che pone di fronte a una responsabilità palese me e tutti i miei coetanei, cioè tutti quelli che proprio in quel periodo (1960) si facevano “grandicelli”, così come Adelaide a Ghiaie, con la prima comunione. Prima non poteva essere capito, perché solo nella nostra generazione ci sarebbe stata capacità di capire. Eravamo i primi, almeno uno di noi, ad avere tale facoltà; una bella incombenza!

La visione mette in evidenza un mondo meritevole, per la stupidità umana, di essere bruciato. Un mondo protetto da Maria, dallo splendore della sua mano destra. Un mondo che, solo per mezzo suo, si vede concedere ancora una possibilità di salvezza. Una grande scianz, racchiusa in un richiamo forte: “penitenza, penitenza, penitenza”.

I discorsi stanno in poco posto, se si dice tre volte “penitenza” la logica induce a ritenere o 3 soggetti colpevoli del disastro o 3 peccati. Ed ecco che a Ghiaie viene dato aiuto essenziale, tale da potere individuare con precisione 3 soggetti colpevoli. Ma anche accusa a me personale rendendomi consapevole di 3 peccati, nonostante i quali nulla viene eccepito dalla società e neppure dalle Chiese che, anzi, spesso risultano istigatrici, complici e altrettanto colpevoli.

L'indicazione di Maria è chiara, un bimbo la capirebbe ma i grandi, ben lontani dalla saggezza che a Ghiaie impersona San Giuseppe, la travisano giustificandosi con dotta e generale idiozia. Fanno pena i diversi tentativi di interpretare e indovinare, con ragionamenti complessi e sapientemente elaborati, quello che in verità è semplice e sotto gli occhi di tutti. Ed è anche su questa complessità ingannevole, riscontrabile a parer mio anche in quel Don Cortesi di Ghiaie così come nelle papali encicliche, tanto dotte quanto inutili e dispersive (se non distorsive), che la visione pone accusa, richiamando alla penitenza sotto il grezzo legno di una croce di semplice fattura. Prezioso il legno che rappresenta la sostanza della verità, senza bisogno di artifici e lavorazioni dotte.

Il sangue dei martiri periti in nome di quella verità essenziale e versati su anime, che così irrogate nel rispetto della verità si avvicinano a Dio, è richiamo invece alla azione: Maria non può fare tutto da sola; l'uomo ha talenti, capacità e possibilità di conquistare coi propri mezzi la salvezza; di riprendere i potenti impedendo i loro tragici abusi come san Giuseppe, nella visione di Ghiaie, riprende il cavallo che calpesta gigli. L'uomo ha il destino nelle proprie mani e i martiri, con le azioni, lo dimostrano. Basta ascoltare e accogliere nei fatti, non solo a parole, quella semplice verità che Maria con forza ripete con sempre maggiore insistenza e preoccupazione.

Quando questo segreto fu rivelato dal Papa, era l'anno 2000. Una bella perdita di tempo rispetto al 1960. Quarant'anni di colpe. Tuttavia era da poco che avevo iniziato la mia attività d'artista e poeta; da poco chiamavo “colpi d'arma da fuoco” le mie poesie (quale arma moderna) e “frecce” i riferimenti alle scritture (quale arma antica ripresa dal passato) inseriti nella mia prima pubblicazione. Non poteva esserci nel messaggio, ove rivelato prima, il medesimo effetto: Il vedere allo stesso modo citare “armi da fuoco e frecce” fu cosa che mi colpì e motivo di più attenta riflessione.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. papa rivoluzione

permalink | inviato da Misterbraun il 23/9/2009 alle 15:46 | Versione per la stampa

10 settembre 2009

MADONNA DELLE GHIAIE (11)

 

11^ apparizione

Lunedì 29 maggio 1944

Diario.

Anche in questa apparizione la manifestazione della Madonna fu preceduta da due colombi e dal punto luminoso. Fra le mani della Madonna ci sono due colombi dalle piume scure, e sul braccio la corona del rosario. La Madonna mi sorrise e mi disse:”Gli ammalati che vogliono guarire devono avere maggiore fiducia e santificare la loro sofferenza se vogliono guadagnare il Paradiso. Se non faranno questo non avranno premio e saranno severamente castigati.

Spero che tutti quelli che conosceranno la mia parola faranno ogni sforzo per meritarsi il Paradiso. Quelli che soffriranno senza lamento otterranno da me e dal figlio mio qualunque cosa chiederanno. Prega molto per coloro che hanno l'anima ammalata; il mio figlio Gesù è morto sulla croce per salvarli. Molti non capiscono queste mie parole, ed è per questo che io soffro”.

Mentre la Madonna portava la mano alla bocca per mandarmi un bacio, con l'indice e il pollice uniti, due colombine svolazzarono intorno ed accompagnarono la Madonna mentre si allontanava.


 

Poco da dire riguardo alle parole della Madonna. Limpide e concise, riportano verità e istruzioni che già dovrebbero presumersi ben chiare e conosciute da ogni individuo che si dichiari cristiano. Eppure ancora “Molti non capiscono...”. Sembra, oggi, che anche le chiese siano frequentate da asini che ascoltano, ma scordano tutto all'uscita contraddicendo col comportamento quello che lì viene detto. Se non capiscono parole così semplici, figuriamoci il resto: simboli, colori, sottintesi.

In questa 11^ apparizione Adelaide vede due colombi scuri. Nella apparizione del giorno precedente dice invece che la Madonna tiene due piccioni neri, a ribadire il concetto già intuito riguardo alla metamorfosi purificatrice proposta per la Chiesa di Pietro, e il passaggio da un capo unico uomo a una coppia uomo-donna. Metamorfosi confermata per esempio anche dal colore viola degli abiti dei santi Matteo e Giuda, (il viola è infatti il colore della metamorfosi, della transizione penitenziale in liturgia, dell'arte, del mistero e della magia. Tradizionale della mistica, della spiritualità, nonché della fusione – rosso e blu - e fascinazione erotica; indica l'unione, la disponibilità intuitiva al cambiamento). Chiari anche i richiami nel suo abbigliamento all'Italia ed a Roma, sede di quella chiesa.

È per ispirazione interna che mi sono riconosciuto in uno dei piccioni neri, riconoscendomi al tempo stesso 3 volte peccatore, poiché il nero è colore maligno e quindi del peccato. Il secondo piccione nero potrebbe essere una donna del nostro tempo, una Sabrina Ferilli per esempio. Romana, artista (io scrittore lei attrice, cioè portatori di messaggi come i piccioni) di incredibile fama, 3 volte colpevole per gli stessi miei peccati: disprezzo del matrimonio, vanità e avidità nella professione, malizia nella ricerca dei piaceri. Il gallo oggi canta anche per lei; 3 volte rinnegata la fede, come me e come Pietro. Invitati, io e lei, per quanto sembri impossibile, ad assumere un ruolo preciso a Roma? San Giuda Taddeo del resto è anche il santo delle cose impossibili. Una spinta forte quella di Maria, amante di noi peccatori. Al caro Papa, che già ha ricevuto protezione da Maria, come lei stessa afferma, io direi quello che dicevo da bambino agli amici ricevendo io a mia volta un privilegio:”Una volta per uno in braccio alla Madonna!”.

Questi due colombi scuri di oggi, in contrasto ai piccioni neri di ieri e ai bianchi colombi che appaiono in cielo prima d'ogni apparizione, sembrano volere indicare una coppia di sposi. Non neri, non peccatori quindi, ma nemmeno casti e puri, perciò non bianchi e quindi senza il privilegio di volare da soli in cielo. Hanno bisogno di mettersi nelle mani di Maria per elevarsi. Un chiaro riferimento alla importanza della castità per il regno dei cieli. Un invito a tutti gli sposi ad affidarsi a Maria.

Così, come tutti gli sposi credo, mi vedo anche in questa apparizione nelle mani della Madonna. Questa volta con mia moglie. Una impressione di apparente contrasto rispetto a quanto ispiratami da quella del giorno precedente, portatrice di incognite e insolite riflessioni. Ma Maria, donna straordinaria e capace di suggestionare, almeno me, sembra prevedere perfino i miei possibili dubbi, arriva subito in mio soccorso con quelle due colombine che svolazzano intorno: come non vederci altre due donne alleate? Una donna (la moglie) per gestire la famiglia, una per contrastare e combattere le iniquità dello stato e una (la Ferilli?) per guidare una Chiesa. 3 donne e ancora: famiglia, stato, chiesa. Chiederò di sposarle, ma, ammesso che si facciano riconoscere e dicano si, occorre prima una rivoluzione per farlo.

E la rivoluzione di Valentina, qui lo ricordo, comincia domani:

http://www.club.it/autori/effettivi/o-z/valentina.braun/indice-i.html


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rivoluzione apparizioni

permalink | inviato da Misterbraun il 10/9/2009 alle 8:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

23 agosto 2009

MADONNA DELLE GHIAIE (2)

 

2^ apparizione.

Domenica 14 maggio 1944

Diario.

Partii di corsa con alcune mie compagne; giunta sul luogo istintivamente guardai in alto e vidi passare due colombi bianchi, poi più in alto vidi il punto luminoso che si avvicinava e che delineava chiara la maestosa figura della Sacra Famiglia.

Al primo momento mi sorrisero, poi la Madonna mi ripeté quanto mi aveva detto ieri:”Devi essere buona, ubbidiente, sincera e pregare bene, rispettosa verso il prossimo. Tra il quattordicesimo e il quindicesimo anno ti farai suora Sacramentina. Soffrirai tanto e poi tanto; ma non piangere perché dopo verrai con me in Paradiso.”

Poi lentamente si allontanò e scomparve come la sera prima. Sentivo in cuore tanta gioia per le brevi parole della Madonna, nella mia mente era chiaro e preciso il ricordo della sua dolce presenza.

Ritornai con le mie compagne verso l'oratorio. A metà strada incontrammo un buon ragazzo di nome Candido, che mi interrogò. Alla mia affermazione di aver visto la Madonna egli, ansioso, mi disse:”Prova ad andare ancora a vedere se ti appare e domandale se io potrò essere sacerdote, consacrandomi a lei”. In fretta ritornai sul posto, guardai in cielo con la speranza che la Madonna ritornasse. Infatti, dopo pochi minuti, si manifestò ancora la presenza della mia cara Madonna, alla quale espressi il desiderio di Candido, presente alla sua nuova visita. Essa con voce soave e materna rispose.”Si, egli si farà sacerdote missionario secondo i desideri del mio cuore quando la guerra sarà terminata”.

Detto questo, lentamente scomparve.

*************

Qui, dopo avere ripetuto le parole dell'insegnamento essenziale del giorno prima, in modo da penetrarle meglio nella mente della bambina, Maria le comunica senza preamboli quelle che sono le sue richieste annunciandole anche le conseguenti sofferenze. E' il modo di una donna sicura, un manager di vita, degno di considerazione a mezzo di un amore palese che rassicura drasticamente anche di fronte a sofferenze; c'è la certezza che essa vuole il tuo bene. E' evidente l'analogia a quanto accaduto a Maria stessa nella ANNUNCIAZIONE: il messaggio ricevuto dall'angelo equivale al messaggio che lei rivolge ad Adelaide. L'insegnamento è quello cui si attenne Maria e che la rendono “bella e maestosa”, anche le sofferenze annunciate ricordano le sue. Comune perfino il destino futuro (“verrai con me in Paradiso”).

La Madonna però vuole allargare il messaggio alla comunità cristiana in generale e così, nello stesso giorno, si procura anche l'occasione di comunicare ad un altro soggetto, questa volta un maschio, la sua consacrazione alla vita religiosa precisando la propria personale volontà con le parole:”secondo i desideri del mio cuore”.

Più che Madonna della famiglia, sembra qui Madonna dei due sessi. Come se alla Chiesa fossero secondo Lei necessari l'apporto di opere, attribuzioni, capacità sia maschili che femminili. Uniti maschi e femmine nell'ascoltare la vocazione, entrambi indispensabili per raggiungere un fine unico in armonia ed amore. Non certo però Madonna del sesso; le vocazioni presuppongono astinenza in prospettiva di godimenti e gioie ben superiori.

Con quell'invito autoritario e ripetuto “pregare bene” vuole evidentemente rendere questi bimbi forti di fronte a un mondo ostile. Non sarà infatti Maria a creare le sofferenze che ad Adelaide preannuncia, sarà la sua stessa gente, le autorità e perfino la Chiesa. La preghiera vale come educazione e allenamento dello spirito e del cuore in un mondo che sembra avere dimenticato che l'essere umano non è fatto di solo corpo. Un mondo preoccupato piuttosto di dare ai bimbi palestre, piscine e scuole per una crescita del corpo e della mente; un mondo dove si esaltano ricchezza, forza e bellezza fisica, qualità e piaceri temporanei e si atrofizzano invece quasi sul nascere le attitudini naturali della crescita spirituale, frenando lo sviluppo nell'essere umano della innata predisposizione ad amare.


 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. apparizioni rivoluzione

permalink | inviato da Misterbraun il 23/8/2009 alle 9:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

18 giugno 2009

L'INIZIO DI NUOVA ERA.

Oggi sono allegro. Ho abbandonato il Pajero per iniziare nuova vita con una Lancia Delta bella dentro e bella fuori.
Contro un mondo che soffoca il sogno anche ai bambini, io voglio pensare bello il mio destino e, felice come un bimbo col suo giocattolo sognato, ringrazio chi ha pensato e disegnato quest'auto interpretando appunto il mio sogno di bambino. Abbandono senza rimpianto il carattere di sfida di questo blog, il cui contenuto lascio a ricordo di un'epoca che m'ha visto sempre in posizione scomoda: per i cattolici un eretico, per i laici un bigotto; per i sinistri di destra, per i destri di sinistra. In pratica io solo da una parte e tutti contro. Con accuse anche cattive e tali da mettere a dura prova la mia ostinata determinazione di volere comprendere e amare i miei contemporanei. A parte pochi amici, non vi capisco proprio, siete pieni di contaddizioni.
Fallite, una dopo l'altra, tutte le mie iniziative letterarie e politiche.
E' proprio ora di cambiare: nessuno può reggere a tanto per tanto tempo senza che ne risultino intaccati il buon umore e la bontà d'animo. Né impegni né cultura né lotta sarà L'ERA DEL SOGNO, con la mente libera da tutto, libera come quella di un bambino. 
La goccia a far traboccare il vaso, se ancora avevo dubbi, l'avere per caso ascoltato Marco Travaglio per una ventina di minuti ieri sera a Seravezza: tante verità, peraltro verità che tante volte e prima di lui dicevo anch'io. Ma niente allegria. Discorsi cupi. Non soluzioni ma contraddizioni, opinioni, accuse, ambiguità e ironie tali da rendere vana ogni speranza di poter collaborare, come a lui avevo chiesto, a favore di quelle stesse verità.
Tanta gente ad ascoltare lui. Altrettanta e forse più quella che lo considera inguardabile e che si è tenuta alla larga. Sempre così, sembra che godiate a litigare, dividervi e combattervi da idioti, dietro ad idioti capaci nella parola tanto da avervi ormai educato da schiavi.  
L'uomo d'oggi, ormai l'ho capito, non vuole giustizia, nemmeno libertà, vuole altro e allora merita mettersi da una parte e fare il possibile per vivere al meglio (non certo allo stesso modo della maggioranza di voi che siete penosi secondo quanto è dato di vedere in TV ma ormai anche in giro). Le premesse ci sono: con la mia Lancia Delta, bella dentro e bella fuori, posso partire alla grande. Voi i 200 demoni della pubblicità che me l'ha fatta apprezzare, io l'angelo.
Magari arriverò anche a votare il nemico Berlusconi, certo più sensato e conveniente che rischiare l'incertezza di un futuro fondato sulla ancora più misera cultura di fondo che trovo in quelle che sono, purtroppo, le sue povere parti avverse. Tanto l'ho capito: In politica si può scegliere solo tra diavoli.
Abbandono il passato invitando però i pochi lettori a ricordare e rivedere la prima delle pubblicazioni qui fatta più di un anno fa, che racchiude in sé il significato e scopo primario di questa era PASSATA di sacrificio e lavoro e che resterà obiettivo di fondo anche nella NUOVA era del sogno.  Come dovere di uomo voglio ricordare a tutti alcuni degli argomenti trattati -TAG: madonne delle ghiaie, obama, valentismo, ferilli, berlusconi, veltroni, costituzione, ecc. - nonché i tredici giorni della rivoluzione di settembre.
Convinto che tutti i partiti di oggi, destra, sinistra, centro siano invenzione del demonio per tenerci divisi e mai in pace tra noi, confermo anche l'invito a firmare su
http://www.annullamentoelezioni.com/ 
come ultima spiaggia, per voi più che per me (io ho la mia Lancia Delta e a questo punto me ne posso infischiare) e per lo stesso Marco Travaglio che, se volesse davvero combattere chi dice, non dovrebbe avere nessuna difficoltà a firmare e appoggiare anche lui una iniziativa davvero rivolta a tutti gli amanti di quella democrazia auspicata senza distinzioni da cattolici, non cattolici, laici, atei, destri e sinistri. Non sarà la soluzione di tutto, però...  il sogno deve restare. Andrò questa volta al seggio per votare SI al referendum, sognando fin da ora un bipolarismo con due soli schieramenti, QUESTI:
 

   1 angelo.                                 200 demoni di destra, sinistra, centro.


 Conservo la faccia 


19 ottobre 2008

23 settembre - kamikaze

  

QUESTIONE DI INTELLIGENZA.

Uno spermatozoo, come esce in ambiente adatto, sa cosa fare. L'embrione, anche lui, capisce fin da subito cosa deve fare per svilupparsi e vivere, nulla lo distoglie da quello che è il suo obiettivo. Intelligenze grandi ed essenziali, seppure limitate a un piccolo mondo. Che terrore quando il feto, cresciuto, si accorge di non poter più avere né sostentamento né spazio sufficienti alle maggiori dimensioni assunte! Crede di morire, quando poi viene espulso da quello che era il suo ambiente naturale. Trova invece un mondo nuovo che lo accoglie e, come piccolo uomo, conserva questa intelligenza essenziale, indirizzata alla vita, finché non viene confuso, a poco a poco, da quello che lo circonda. E' allora che rischia di perdere l'intelligenza e con essa il senso proprio della esistenza.

Ecco:

mettiamo che la terra sia come il ventre di una donna, dove tutti siamo spermatozoi. Avessimo conservato la intelligenza essenziale degli spermatozoi sapremmo che fare e faremmo di tutto per raggiungere la nostra meta, ci aggrapperemmo a tutto per entrare in un ovulo, svilupparci e vivere, come embrioni, fino magari a una futura nascita in altro ambiente più largo.

E c'è una scienza che promette questo. Una scienza che mette come requisito essenziale sapere adoperare e fare funzionare IL CUORE.

23 settembre 13° giorno della rivoluzione di Valentina: GIORNO DEL CUORE.

http://www.club.it/autori/effettivi/o-z/valentina.braun/indice-i.html


 

Infatti, secondo la scienza di uomini audaci, intelligenti e importanti fino anche ad essere santi, è imparando ad utilizzare il cuore che ci si sviluppa e si progredisce.
In quanto grazie a Dio forniti delle fondamentali regole d'uso, non dovrebbe essere cosa difficile, basta ascoltare e mettere in pratica gli insegnamenti avuti (che del resto dovrebbero già essere istinto naturale come nello spermatozoo). Il cuore dà la direzione e la capacità di elevarsi fino a penetrare e fondersi, come fa lo spermatozoo, con l'ovulo ed è grazie al cuore che è possibile una ripartenza o, meglio, la prosecuzione della vita.


Per non morire e raggiungere l'ovulo lo spermatozoo deve compiere, tra mille insidie, il percorso che lo separa dall'ovulo e lui, intelligente, lo fa avvalendosi della coda. Migliaia e migliaia di colpi di coda. Allo stesso modo l'uomo ha il cuore che lo può innalzare fino alla meta.... per non morire. 

 

In quanto ai cristiani poi: quale l'enorme vantaggio?

Non come gli spermatozoi, tra i quali solo uno su milioni ce la fa; bensì la garanzia, attraverso la fusione e comunione con il cuore di Gesù, di potere tutti centrare il bersaglio e rinascere tutti come gemelli.

Molti invece affrontano questa vita come fossero arrivati nel posto sbagliato. Vagano, come spermatozoi entrati dall'ano anziché dall'utero, persi in un budello infecondo. Non ascoltano il cuore; neppure cercano l'ovulo fecondo. L'augurio è che la terra sia davvero per loro il posto sbagliato, quello della definitiva morte; che non incappino invece in un ovulo sbagliato.

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rivoluzione cuore valentismo spermatozoi

permalink | inviato da Misterbraun il 19/10/2008 alle 15:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

11 ottobre 2008

22 settembre: ADVENIAT REGNUM TUUM

"Signore, proteggi me e la mia famiglia. Perdona i miei peccati e aiutami a rimanere al riparo dall’orgoglio e dalla disperazione. Dammi la saggezza per fare ciò che è giusto. E rendimi uno strumento della tua volontà”.  

Questa preghiera lasciata da Obama (in veste di pecora bianca) in un biglietto sul muro di Gerusalemme, che ricorda Salomone, e alla quale mi associo col cuore, non può da sola convincere.  Soprattutto se parole, dichiarazioni e fatti più concreti riguardo alla città santa vanno in direzione opposta non solo a Salomone, ma a tutti i grandi profeti a cominciare da Geremia:
 

(ASCA-AFP) - Washington, 4 giu - "Gerusalemme restera' la capitale di Israele e dovra' rimanere indivisa". Queste le parole espresse da Barack Obama durante l'annuale meeting della lobby ebrea-americana Aipac a Washington.

Qui Obama (in veste di cavallo marrone)  assicura pieno appoggio agli ebrei con una dichiarazione che sembra offesa a quel Geremia che un tempo lontano indicò per Gerusalemme un punto chiaro di arrivo, sotto una legge e una giustizia che non sono certo quelle degli ebrei di oggi.

SDEROT (Israele) 23 luglio "Quello di capitale è uno status finale che dovrà essere deciso dai negoziati e in accordo con i palestinesi. La comunità internazionale, inclusi gli Usa, non riconosce la rivendicazione israeliana di Gerusalemme come sua 'eterna e indivisa capitale'".

E' un Obama (in veste di asino grigio) che, forse accortosi dell'errore fatto, tenta di rimediare contraddicendo la sicurezza della precedente affermazione e presupponendo un accordo impossibile. Una dichiarazione questa da politico occidentale preoccupato di non perdere consenso, che denuncia però grave incertezza sul tema della pace.

22 settembre - 12 giorno della rivoluzione di Valentina: GIORNO DELLA PACE.

http://www.club.it/autori/effettivi/o-z/valentina.braun/indice-i.html

Dopo una telefonata avuta con lo staff di Obama sono in attesa della restituzione delle somme da me versate come contributo alla sua campagna.  Il forte convincimento religioso dichiarato fin dall'inizio della sua campagna elettorale mi faceva ritenere Obama un saggio, un uomo di pace, conoscitore dei valori più alti delle religioni sia cristiana che musulmana, tanto da potere essere in grado di esercitare una spinta concreta verso quella pace mondiale che, per un vero uomo di fede, non è utopia ma solo questione di intelligenza. Una intelligenza di cui, grazie a Dio, l'uomo è dotato. Vedendo ora, a distanza di mesi, gli sviluppi della campagna elettorale americana, è più che lecita la insorgenza di dubbi. Sembra (forse a me solo?) un campionato di stupidità, né più né meno di quanto avviene in ogni paese del mondo quando si compete per la conquista del potere. Fa meraviglia che nessuno metta il punto sulle ambiguità che emergono ad ogni incontro fra candidati. Pur lasciando perdere questioni quali la finanza, l'economia, la gestione ambientale, dove certo nessuno dei due candidati ha brillato né brilla (quei cambiamenti da ciascuno promessi io non li ho nemmeno intravisti) è proprio sulla questione PACE che permangono le maggiori incertezze. Chiamati alla più potente carica del mondo si preoccupano di stabilire  la assegnazione di Gerusalemme a questo o quel popolo anziché preoccuparsi di assegnarle la legge. Nessuno che faccia presumere capacità di dare sviluppo a quel "germoglio di giustizia"  invocato da Geremia.
Salva però la speranza nella preghiera di Obama.


In quei giorni Giuda sarà salvato e Gerusalemme vivrà tranquilla.
Così sara chiamata "Signore nosta giustizia".


 

"... al mio cuore preme quella pace mondiale nella quale tutti si amino come fratelli". (Maria 10° apparizione Bonate -BG)

   




 


4 ottobre 2008

21 settembre - A VOI LA PAROLA

Molti sono buoni per paura della reazione del prossimo o per timore di sanzioni e condanne penali; altri lo sono perché desiderano approvazione e considerazione pubblica; altri ancora sono buoni semplicemente perché, per natura, non riescono a dire no.

Domanda Valentina Braun: è una bontà appagante la bontà dei vigliacchi, degli ambiziosi e dei semplici?

E se dicessero invece dentro di sé: “Io sono buono perché ascolto e voglio osservare la Parola”?

Ecco! Il loro comportamento non sarebbe più da vigliacchi, da ambiziosi o da semplici. Da persone incerte, pure adottando lo stesso comportamento buono, potrebbero divenire persone determinate e sicure di sé, capaci di vera bontà, degne del più grande rispetto e non solo tra gli uomini, finalmente affidabili e meritevoli di considerazione e dei premi promessi.

21 settembre – 11° giorno della rivoluzione di Valentina: giorno della parola.


beati quelli che ascoltano la parola del Signore e la mettono in pratica

http://www.club.it/autori/effettivi/o-z/valentina.braun/indice-i.html

L'angelo disse a Maria: Iddio ti annunzia il suo verbo. Egli chiamerà Gesù il messia, figlio a Maria, grande in questo mondo e nell'altro e confidente dell'Altissimo. Farà udire la sua parola agli uomini dalla culla insino a tarda età (Corano)  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. valentina braun rivoluzione corano.

permalink | inviato da Misterbraun il 4/10/2008 alle 9:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

30 settembre 2008

20 settembre - CONMIGO AL CAFFE'

L'America è un paese malato, nella politica, nella economia, nella morale. Obama e McCain non sembrano essere, a quanto emerso dagli ultimi incontri, che il simbolo evidente di questa decadenza: due spacconi che provengono da una classe educata a fare spettacolo più che a risolvere i problemi, parlano di tutto senza indicare soluzioni pratiche. Incapaci di andare oltre a quella chiusa mentalità che si è formata negli ultimi anni, Eppure la gente, infatuata, acclama. E' un'America incapace di risolvere le più semplici questioni economiche, che sembra avere perso perfino quella solidarietà nazionale che l'ha resa forte e che da sempre la contraddistingue. Lo vedono tutti ad esempio il disastro economico causato dalla vicenda dei mutui, a sua volta originato da precedenti spacconate americane. Lo vedono tutti che nessuno tra i politici sa dare risposte che pure sarebbero tanto facili. Spiccano però loro due, i candidati della svolta, amici di tutti e di nessuno. Amici miei, ma loro non lo sanno. Magari, leggessero quello che scrivo ora, mi considererebbero nemico, come i politici italiani che non mi amano, e, come loro, non vengono conmigo al caffè. A loro tutti comunque il mio saluto amico.

20 SETTEMBRE - 10° giorno della rivoluzione di Valentina: GIORNO DELL'AMICIZIA.   

http://www.club.it/autori/effettivi/o-z/valentina.braun/indice-i.html

Dopo avere sperato, sembra non ci resti altro da fare che pregare per questa America amica. A questo, da amico, io invito.



"Se saluti solo quelli che ti amano, che merito ne hai? Anche i cattivi fanno così"




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. obama rivoluzione amicizia.

permalink | inviato da Misterbraun il 30/9/2008 alle 8:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

27 settembre 2008

19 settembre - A SESSO UNICO

Incredibile umana natura!

Prega e rifiuta senso e ragione

al primo sorso d'istinto bieco.


Nulla l'amore d'omo con donna,

banale, scontato e catena,

al fascino solo di godimento verso.


Valentina Braun


Dedicata col cuore a san Giovanni Bosco, e ai fratelli pedofili, omosessuali, alle sorelle lesbiche, a tutti i pervertiti in genere, affinché, come il santo, sappiano rivolgere la mente e il corpo a quell'amore superiore che cancella ogni bestiale istinto in vista d'un superiore premio..

LA PAROLA: Matteo 19, 10-12
Gli dissero i discepoli: «Se questa è la condizione dell'uomo rispetto alla donna, non conviene sposarsi». Egli rispose loro: «Non tutti possono capirlo, ma solo coloro ai quali è stato concesso. Vi sono infatti eunuchi che sono nati così dal ventre della madre; ve ne sono alcuni che sono stati resi eunuchi dagli uomini, e vi sono altri che si sono fatti eunuchi per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca».

 

19 settembre – 9° giorno della rivoluzione di Valentina: giorno dei sensi.

 http://www.club.it/autori/effettivi/o-z/valentina.braun/indice-i.html



E così essi sono inescusabili, poiché avendo conosciuto Dio, non lo glorificarono come Dio né gli resero grazie, ma i loro ragionamenti divennero vuoti e la loro coscienza stolta si ottenebrò. Ritenendosi sapienti, divennero sciocchi e scambiarono la gloria di Dio incorruttibile con le sembianze di uomo corruttibile, di volatili, di quadrupedi, serpenti.

Perciò Dio li ha lasciati in balia dei desideri sfrenati dei loro cuori, fino all'immondezza che è consistita nel disonorare il loro corpo tra di loro; essi che scambiarono la verità di Dio con la menzogna e adorarono e prestarono un culto alle creature invece che al creatore, che è benedetto nei secoli.

Per questo Dio li ha dati in balia di passioni ignominiose: le loro donne scambiarono il rapporto sessuale naturale con quello contro natura; ugualmente gli uomini, lasciato il rapporto naturale con la donna, bruciarono di desiderio gli uni verso gli altri, compiendo turpitudini uomini con uomini, ricevendo in sé stessi la ricompensa debita della loro aberrazione. E in quanto non stimarono saggio possedere la vera conoscenza di Dio, Dio li abbandonò in balìa di una mente insipiente..... (Paolo, Lettera ai romani).

 


 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. don bosco rivoluzione

permalink | inviato da Misterbraun il 27/9/2008 alle 10:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

24 settembre 2008

18 settembre - SULLE ORME DI PIETRO

  

DAL RECENTE VIAGGIO DEL PAPA IN USA: - «La democrazia può fiorire soltanto - ha spiegato in un discorso pronunciato rispondendo ai saluti del presidente statunitense George W. Bush - quando i leader politici e quanti essi rappresentano sono guidati dalla verità e portano la saggezza, generata dal principio morale, nelle decisioni che riguardano la vita e il futuro della Nazione». Senza parlare esplicitamente delle prossime elezioni presidenziali, Papa Ratzinger ha tuttavia chiesto al popolo americano di trovare nella propria fede religiosa un criterio di «discernimento e di ispirazione» di fronte alle sempre «più complesse questioni politiche ed etiche». «Storicamente - ha ricordato il Papa - non solo i cattolici, ma tutti i credenti hanno qui trovato la libertà di adorare Dio secondo i dettami della loro coscienza, essendo al tempo stesso accettati come parte di una confederazione nella quale ogni individuo ed ogni gruppo può far udire la propria voce. Ora che la Nazione deve affrontare sempre più complesse questioni politiche ed etiche, confido - ha scandito - che gli americani potranno trovare nelle loro credenze religiose una fonte preziosa di discernimento ed un'ispirazione per perseguire un dialogo ragionevole, responsabile e rispettoso nello sforzo di edificare una società più umana e più libera».

18 SETTEMBRE ottavo giorno della rivoluzione di Valentina giorno delle chiese.
 

http://www.club.it/autori/effettivi/o-z/valentina.braun/indice-i.html



P
arole ineccepibili quelle del Papa
. Ma anche parole troppo facili, troppo somiglianti a quelle di un esperto politico, attento a riscuotere successo. E' un papa sicuramente sofferente quello che parla, costretto ad evitare motivi di possibile dissenso di fronte a una nazione che rappresenta meglio di tutte i difetti, i peccati e le perversioni dell'intero mondo occidentale.  Un Papa che soffre la sua duplice veste di capo di una chiesa e capo di stato. Valga anche per lui il ricordo della visione di Bonate in cui Maria lo rappresenta come cane bianco macchiato di marrone, lo stesso marrone del potente cavallo, il marrone della terra. Faccia presto a riconoscersi e a vedersi addosso queste brutte macchie marroni. Questo l'augurio.   






23 settembre 2008

17 settembre -Pensioni e disuguaglianza.

  

ROMA 25/3/2008 (da un quotidiano)- Il Partito democratico è deciso a proporre «un intervento immediato» sul fronte delle pensioni. È quanto assicura il leader del Pd, Walter Veltroni, in una conferenza stampa. «L'intervento - spiega - riguarda i pensionati di oltre 65 anni e determina, a partire dal 1 luglio 2008, un incremento medio di quasi 400 euro l'anno per le pensioni fino a 25 mila euro l'anno (fino a circa 2 mila euro al mese) e un incremento fra i 250 e i 100 euro l'anno per le pensioni di importo compreso tra 25 mila e 55 mila euro l'anno». Questa operazione sarebbe possibile mediante un'azione sulla leva fiscale.

Uno dei principi base di ogni stato democratico e del semplice convivere civile è l'uguaglianza dei cittadini. La Costituzione Italiana ne sancisce l'applicazione. Come possa un politico, pochi giorni prima scoperto nella sua veste di pensionato a 52 anni con oltre 5.000 euro mensili di “pensione”, uscire con una simile proposta e pretendere considerazione ce lo dovremmo chiedere tutti. La sua pensione ai sensi di legge è impossibile, quindi, a ben vedere, un furto vero e proprio perpetrato ai danni di tutti e in barba a quel principio d'uguaglianza. Questo non l'ha detto. Eppure è in parlamento, ladro tra ladri, e addirittura pretende, lui, di potere fare opposizione a un governo che d'opposizione avrebbe davvero bisogno, ma da gente più onesta e seria.

17 settembre 7° giorno della rivoluzione di Valentina: giorno degli stati.
 

http://www.club.it/autori/effettivi/o-z/valentina.braun/indice-i.html

Ho preso ad esempio Veltroni (che non è il peggiore), ma avrei potuto prendere un politico qualunque. Mi spiace, ma la critica non è per lui o loro; è una critica al popolo. I misfatti della gente di potere, anche verso i più elementari principi, sono così evidenti che vedere gente che li ascolta o addirittura li acclama fa male al cuore. Sembra mancare in Italia come nel mondo una attenzione responsabile; si subisce piuttosto che esercitare i propri diritti di cittadino, salvo poi dare sfogo a umilianti, deplorevoli e magari anche violente proteste di piazza. Cosa pretendere del resto da un uomo che spesso non ha autorità né rispetto neppure da parte della propria moglie o dei figli? Ecco che la Madonna di Bonate, invitando a seguire l'esempio della sua famiglia, ci fa vedere nella visione del 21 maggio 1944 un San Giuseppe umilmente pronto a difendere e proteggere dal potente che calpesta ogni principio (cavallo marrone che calpesta gigli), con autorità di uomo responsabile, la propria famiglia, riportando così nei principi di una sana convivenza civile anche il mondo circostante.



20 settembre 2008

14,15 e 16 settembre - CHERCHEZ L'HOMBRE.

SALT LAKE (California) - agosto 2008.- dal confronto per gli evangelici.

Le linee di pensiero di Obama e McCain si discostano soprattutto per quanto riguarda il delicato tema dell'aborto, e mentre MCCain si definisce «pro-life, perché il diritto alla vita si acquista nell'istante esatto del concepimento», Obama si è detto incerto sia sul piano teologico che scientifico e quindi rimane su una posizione pro-scelta, in favore della legge sull'aborto, pur precisando la necessità di un maggiore impegno per la prevenzione delle gravidanze indesiderate e dell'interruzione di gravidanza il più precoce possibile, «limitato alle prime fasi della gravidanza».

Sul tema "matrimonio", entrambi affermano che è l'unione tra un uomo e una donna, ma mentre McCain non ha dubbi su questo, Obama aggiunge che «si tratta del mio punto di vista personale», e che, comunque non vorrebbe la definizione inserita nella Costituzione «perché i diritti degli omosessuali vanno garantiti», anche le unioni civili tra gay.

4° 5° e 6° Giorno della rivoluzione di Valentina: 

http://www.club.it/autori/effettivi/o-z/valentina.braun/indice-i.html


14 SETTEMBRE  giorno delle donne
15 SETTEMBRE  giorno dell'uomo
16 SETTEMBRE  giorno del matrimonio


A distanza di 2000 anni dalla verità, c'è da essere asini per dare prova di incertezza e per intavolare discussioni su temi che dovrebbero ormai essere risolti e superati. Soprattutto chi prega e si dichiara in primis fedele osservante della Parola. E un asino grigio, il colore più ambiguo, rappresenta così bene questa gente che non si può fare a meno di ricordare quello della apparizione di Bonate del 21 maggio 1944: Un asino grigio che prega.  



 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     agosto        ottobre